Il Promotore Sociale Maresciallo Giuliano Belli, ci ha lasciato.

C’è tanta tristezza oggi nelle Acli Provinciali di Rovigo.
 
Il Promotore Sociale Maresciallo Giuliano Belli, ci ha lasciato.
Dopo una lunga carriera nell’Arma dei Carabinieri, conclusasi nel 1982, dal 1983 ha cominciato quella nelle Acli.
Ha operato nelle Sedi delle Acli come riferimento fondamentale nell’Alto Polesine, percorrendo chilometri in lungo ed in largo, dedicandosi agli altri, per promuovere i diritti di ogni persona, a partire da chi si trovava in situazioni di esclusione e di marginalità, raggiungendo direttamente le case di coloro che, per vari motivi avevano difficoltà a spostarsi. Ha saputo impersonare i valori dell’altruismo e del sostegno reciproco, offrendo il suo sorriso a tutti coloro che incontrava.
Dopo la costituzione della FAP (Federazione Anziani e Pensionati) nella Provincia, ha intrapreso anche questo nuovo incarico con grande entusiasmo e tanta dedizione, mettendoci tutto l’impegno di cui era capace. Ha saputo sfruttare al massimo le sue doti innate sempre verso chi ne aveva bisogno.
La Presidente delle Acli Provinciali di Rovigo Roberta Cusin, tutto il Direttivo e tutti gli Associati sono vicini alla famiglia, in particolare alla moglie Marisa ed ai figli.

 

La nuova Presidente è l'avvocato Roberta Cusin

Sabato, 24 ottobre 2020.

Il Consiglio Provinciale delle Acli Provinciali di Rovigo aps, ha eletto l’avvocato Roberta Cusin come nuovo Presidente Provinciale per il prossimò quadriennio.

A lei va un grande augurio di buon lavoro, accompagnata da una Presidenza solida e da un Consiglio provinciale coeso.

Un grazie anche al Presidente uscente Luca Gianesella per gli 8 anni trascorsi alla guida dell’Associazione e per l’importante percorso fatto assieme a tutti noi.
 
La nuova Presidenza sarà composta da: Roberta Cusin, Luca Gianesella, Bernardo Bombonato, Valeria Turcato, Annamaria Sgualdo, e Chiara Pastorello come segretaria.
 
          

ATTENZIONE TRUFFA FINTI OPERATORI ACLI

 

Le Acli Provinciali di Rovigo invitano i propri utenti e i cittadini alla massima attenzione contro le truffe porta a porta. Un appello che si rende necessario a seguito di una segnalazione avvenuta questa mattina da parte di una nostra utente la quale ha segnalato che “la madre è stata circuita presso il proprio domicilio da una donna italiana spacciatasi per incaricata del nostro Patronato e Caf per recapitare una lettera urgente, rubandole preziosi e soldi”.

Le Acli Provinciali di Rovigo raccomandano, qualora ci fossero sospetti, di avvisare immediatamente le forze dell’ordine, in quanto nessun operatore Acli è mai stato e mai sarà inviato presso i domicili degli utenti. Le Acli Provinciali di Rovigo si dichiarano completamente estranee ai fatti.

 

Rovigo, lì 12/02/2020

 

Il Presidente delle Acli Provinciali di Rovigo

     Gianesella Luca